Amarezza di un cane abbandonato

Sono nato
in un tuo sguardo,
occhi negli occhi
che erano presenza..
Sono stato gioco
per un respiro
prolungato in me
dalla tua voce..
ho imparato
a riconoscere
il tuo umore,
ho cercato sempre
di portare allegria…
ti ho rincorso
fino a perdere il fiato,
quel giorno
che non capivo
dove avevo sbagliato…
ora randagio vago
nel ricordo del tuo odore,
ascolto suoni credendo
in un richiamo…
Sai. correrei ancora da te,
ma sono solo,
perduto, impaurito,
e sono morto,
ora so,
in quel dì deciso da te
che amavo..

Mariella Mulas

Amarezza di un cane abbandonatoultima modifica: 2016-06-16T09:28:58+02:00da vitegabry
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento