Farfalla

È necessario
appropriarmi
di sintomi di felicità,
tacitando verdetti
malevoli
del presunto destino…
E cerco attimi
nei riflessi del vivere.
Ci sarà per me
uno benevolo,
o solo quelli
intimiditi dai rumori
stridenti della vita?
Probabile si celi
nell’impossibile.
Ma devo avanzare
ugualmente
nei giorni convinti
di volontà svolazzante,
come farfalla che
sa del dover battere ali
solo alla luce
del suo breve esistere.

Pubblicato in Poesie, Senza categoria | Lascia un commento

Repost: il manifesto da Lavoro e Previdenza – "Triballadores" – a cura di Vittorio Casula –

Commenti disabilitati su Repost: il manifesto da Lavoro e Previdenza – "Triballadores" – a cura di Vittorio Casula –

Su Balente e sa ‘Emina

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Fiori amabili

Fiori amabili,
fragranze stellate
di emozioni,
oscillano candidi
al vento lieve,
e si sfiorano poi
a chiacchierare
del tempo vestito
di nubi grigie….
Petali forse chiedono
raggi per dorare
fascino tra il verde
umido delle foglie
che pare abbraccino
il senso sensuale
dei rami intrecciati
d·amore e protettivi
alle scosse inferte
da ogni·inverno indifferente.

·

Foto
 
Pubblicato in Poesie | Lascia un commento

Repost: Sei in: News » Associazioni » Ollolai. Michele Columbu: “La miseria non si amministra”. da Divergenze

Lascia un commento

Repost: il Fatto Quotidiano da Lavoro e Previdenza – "Triballadores" – a cura di Vittorio Casula –

Che Dio ci aiuti!

Che Dio ci aiuti!

Lascia un commento

Notte amara

Notte amara
in quei silenzi
di luna…
Ho spasmi di parole
per te…
lume candido
lassù…
Tu, inarrivabile
anche in sogni
inventati
per distrarre
la mia voglia
di lacrime.
Luna, guardami
amica….
Asciuga malinconia.
Fermati sul cuscino
e raccontami
delle stelle palpitanti
a te accanto.

Mariella Mulas

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

IL MANIFESTO

Prima Pagina Il Manifesto 24/08/2016

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Amarezza di un cane abbandonato

Sono nato
in un tuo sguardo,
occhi negli occhi
che erano presenza..
Sono stato gioco
per un respiro
prolungato in me
dalla tua voce..
ho imparato
a riconoscere
il tuo umore,
ho cercato sempre
di portare allegria…
ti ho rincorso
fino a perdere il fiato,
quel giorno
che non capivo
dove avevo sbagliato…
ora randagio vago
nel ricordo del tuo odore,
ascolto suoni credendo
in un richiamo…
Sai. correrei ancora da te,
ma sono solo,
perduto, impaurito,
e sono morto,
ora so,
in quel dì deciso da te
che amavo..

Mariella Mulas

Pubblicato in Poesie | Lascia un commento